Granfondo Dobbiaco Cortina

Granfondo Dobbiaco Cortina

Granfondo Dobbiaco Cortina, Alto Adige, Veneto, Italia

Granfondo Dobbiaco Cortina 2024

Un weekend di Ski Classics ricco di sfide

La 47ª edizione della popolare gara di fondo Dobbiaco-Cortina torna sulla scena delle Ski Classics e promette un fine settimana emozionante e ricco di sfide per i fondisti. L’evento si svolgerà il 3. e 4 febbraio 2024 e propone due gare nella tecnica classica e in quella del pattinaggio. Sia gli atleti più esperti che i dilettanti si divertono sulle pittoresche piste di fondo delle Dolomiti.

Data e sedi

L’evento si svolgerà sabato, 3 febbraio 2024 e domenica, 4 febbraio 2024. La partenza è a Dobbiaco e il percorso si snoda su 42 chilometri in classico il sabato e 35 chilometri in skating la domenica fino a Cortina d’Ampezzo.

Percorso della gara di fondo Dobbiaco Cortina

Il weekend inizia sabato 3 febbraio 2024 con la classica corsa campestre di 42 chilometri da Dobbiaco a Cortina d’Ampezzo. La pista offre pendenze dolci, si snoda attraverso boschi, laghi e gallerie e garantisce una magica esperienza di sci di fondo.

Domenica 4 febbraio 2024 si svolgerà la gara di pattinaggio di 35 chilometri. I corridori potranno godere dello stesso impressionante scenario delle Dolomiti mentre dimostrano le loro abilità nella tecnica del pattinaggio.

Programma della gara di fondo di Dobbiaco Cortina

La corsa campestre Dobbiaco-Cortina ha una lunga storia ed è stata plasmata da rinomati atleti del passato. Tra i partecipanti degli anni passati ci sono nomi noti come Tord Asle Gjerdalen, Andreas Nygaard, Petter Northug, Britta Johansson Norgren, Jenny Larsson, Lina Korsgren e Malin Boerjesjoe.

Il norvegese Tord Asle Gjerdalen ha festeggiato quattro vittorie di fila dal 2016 al 2020 (con l’eccezione del 2019, quando la gara non si è svolta). Andreas Nygaard ha vinto nel 2020 sulla distanza di 42 chilometri, Petter Northug ha trionfato nel pattinaggio lo scorso febbraio.

Gli atleti svedesi si sono fatti notare anche alle Ski Classics di Dobbiaco Cortina. Britta Johansson Norgren ha vinto la gara tre volte (2016, 2018 e 2020) ed è salita sul podio in diverse gare di Coppa del Mondo e Campionati del Mondo. Jenny Larsson ha vinto nel 2020 e recentemente ha stabilito un nuovo record mondiale percorrendo 5 km sullo SkiErg in 18 minuti e 32,5 secondi. Lina Korsgren ha vinto nel 2021 e la svedese Malin Boerjesjoe lo scorso febbraio.

L’Alta Pusteria e il Bellunese ospitano in questa stagione invernale il 7° Ski Classics Challenger, in cui si assegnano punti per i Campionati del Mondo di Sci di Fondo. La prima gara Challenger su sci stretti in stile classico è la Gastein Classics, che si svolge il 9 dicembre in Austria.

Per molti appassionati di sci di fondo, la Granfondo Dobbiaco Cortina è un appuntamento annuale. Non è solo una competizione, ma anche un simbolo importante per le due comunità. Qualità, organizzazione e attenzione ai dettagli sono indispensabili per l’intero team guidato dal presidente Herbert Santer e dal suo vicepresidente Igor Gombac. La cura e l’alta qualità dei servizi si riflettono anche negli starter pack recentemente introdotti, che includono un’esclusiva fascia Energia Pura.

L’inverno è alle porte e tutti coloro che sognano il 47° Dobbiaco Cortina Volkslanglauf possono ancora beneficiare dei vantaggiosissimi “prezzi estivi” fino al 30 settembre.

La gara di fondo Dobbiaco-Cortina promette quindi un fine settimana emozionante per tutti gli appassionati di sci di fondo che vogliono godersi lo scenario mozzafiato delle Dolomiti sulle tracce dei migliori fondisti del mondo. Il ritorno dell’evento sulla scena delle Ski Classics promette gare emozionanti e un’esperienza indimenticabile per tutti i partecipanti e gli spettatori. Allacciate gli sci e affrontate le sfide della Dobbiaco Cortina Volkslanglauf 2024!

Foto: © Newspower.it

Nota importante: Disclaimer – Italien.events non è l’organizzatore degli eventi qui pubblicati e pertanto non è responsabile di cambiamenti di programma, cancellazioni dell’evento ed eventuali informazioni errate. La redazione di Italien.events si impegna sempre a fornire informazioni dettagliate e accurate. Tuttavia, è possibile che gli eventi siano cambiati e che questi non siano stati aggiornati tempestivamente. I dettagli esatti su date, orari e programmi possono essere richiesti direttamente all’organizzatore. Controllate anche il sito web o i social media dell’organizzatore per avere aggiornamenti prima di partire!

Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026

Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026

Cortina d'Ampezzo, Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026, Italia

Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026

Uno spettacolo di sport e comprensione internazionale

Cresce l’attesa per uno dei più grandi eventi sportivi del mondo: il XXV. Le Olimpiadi invernali di Milano Cortina del 2026 sono alle porte. Dal 6 al 22 febbraio 2026, atleti di tutto il mondo si riuniranno a Milano, Cortina d’Ampezzo e in altre suggestive località del nord Italia per gareggiare in un totale di 15 discipline e celebrare lo spirito olimpico.

Il programma olimpico offre un’ampia gamma di sport, tra cui discipline tradizionali e moderne. Biathlon, bob, curling, hockey su ghiaccio, pattinaggio artistico, pattinaggio di velocità, freestyle, combinata nordica, salto con gli sci, sci alpino, sci di fondo, short track, skeleton, slittino e snowboard promettono gare emozionanti e momenti indimenticabili per gli appassionati di sport di tutto il mondo. La combinazione di velocità, precisione e prestazioni fisiche in queste discipline rende le Olimpiadi invernali un evento unico.

I Giochi Paralimpici Invernali di Milano Cortina 2026, che si svolgeranno dal 6 al 15 marzo 2026, offriranno alle persone con disabilità l’opportunità di dimostrare le proprie capacità sportive ai massimi livelli. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) riconosce sei discipline, tra cui il para-biathlon, il curling in carrozzina, il para-ice hockey, il para-ski alpino, il para-sci di fondo e il para-snowboard. Questi atleti sono una vera ispirazione e dimostrano che la volontà e la determinazione umana possono spostare le montagne.

La sede dei Giochi Olimpici invernali di Milano Cortina 2026 si estende in diverse località del nord Italia. Oltre a Milano e Cortina d’Ampezzo, che si sono aggiudicate congiuntamente la gara, le competizioni si terranno anche in Valtellina, Val di Fiemme e Anterselva in Alto Adige. Questa varietà di sedi riflette la bellezza e la versatilità delle Alpi italiane e offre agli atleti un palcoscenico impressionante per le loro esibizioni.

La cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali di Milano Cortina 2026 si terrà il 6 febbraio 2026 allo Stadio San Siro di Milano, uno degli stadi di calcio più famosi al mondo. La cerimonia di chiusura si svolgerà il 22 febbraio all’Arena di Verona, un sito storico di grande importanza culturale. Entrambi gli eventi offriranno sicuramente performance spettacolari e affascineranno gli spettatori.

Anche i Giochi Paralimpici di Milano Cortina 2026 inizieranno con una grande cerimonia di apertura, che si terrà il 6 marzo all’Arena di Verona. Questo evento speciale celebrerà la forza e la coesione della comunità paralimpica. La cerimonia di chiusura delle Paralimpiadi del 15 marzo si svolgerà a Milano e renderà il giusto omaggio agli atleti.

I Giochi Olimpici Invernali Milano Cortina 2026 non sono solo un evento sportivo, ma anche un simbolo dello spirito e degli ideali olimpici che i Giochi hanno incarnato fin dalla loro rinascita nel 1896. Pierre de Coubertin, il padre fondatore dell’olimpismo moderno, formulò la fede olimpica con le parole: “La cosa più importante nei Giochi Olimpici non è la vittoria ma la partecipazione, così come la cosa più importante nella vita non è il trionfo ma la lotta. La cosa più importante non è aver vinto, ma aver combattuto bene”.

Queste parole sono diventate il credo del Movimento Olimpico e ci ricordano che i Giochi sono più che medaglie e record. Sono un’opportunità per celebrare la diversità del mondo, costruire ponti tra le culture e promuovere lo spirito di equità e rispetto.

Il XXV. Le Olimpiadi invernali di Milano Cortina del 2026 si svolgeranno in un momento in cui il mondo cerca più che mai unità e speranza. In un momento in cui lo sport e la cooperazione internazionale possono svolgere un ruolo chiave nell’affrontare le sfide del nostro tempo, i Giochi sono un simbolo della possibilità di superare le frontiere e di realizzare grandi cose insieme.

Dopo i Giochi invernali di Milano Cortina 2026, gli occhi del mondo sportivo saranno puntati sui prossimi Giochi olimpici. Giochi olimpici estivi a Parigi dal 2 al 18 agosto 2024 e la XXXIV Olimpiade di Parigi. I Giochi olimpici estivi che si terranno a Los Angeles dal 21 luglio al 6 agosto 2028 promettono altri momenti emozionanti di sport e comprensione internazionale.

Nel complesso, i Giochi Olimpici Invernali Milano Cortina 2026 e i Giochi Paralimpici Invernali Milano Cortina 2026 promettono di essere un momento di sport, amicizia e coesione internazionale. Riuniranno il mondo per celebrare la gioia della competizione e l’unità dell’umanità. Non vediamo l’ora di assistere a questi eventi stimolanti e alle storie che scriveranno. Che i Giochi di Milano Cortina 2026 ci ricordino che lo spirito olimpico vive in tutti noi e che insieme possiamo raggiungere grandi traguardi.

Cortina d'Ampezzo, Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026, Italia

Nota importante: Disclaimer – Italien.events non è l’organizzatore degli eventi qui pubblicati e pertanto non è responsabile di cambiamenti di programma, cancellazioni dell’evento ed eventuali informazioni errate. La redazione di Italien.events si impegna sempre a fornire informazioni dettagliate e accurate. Tuttavia, è possibile che gli eventi siano cambiati e che questi non siano stati aggiornati tempestivamente. I dettagli esatti su date, orari e programmi possono essere richiesti direttamente all’organizzatore. Controllate anche il sito web o i social media dell’organizzatore per avere aggiornamenti prima di partire!

Foto: © Foto di Paola Baldacci da Pixabay © Foto di kordula vahle da Pixabay